Hanno collaborato al progetto:

Matteo De Boni (Co-Founder)  – Marco Donadon (Ex Editor) – Valeria Genova (Co-Founder & Ex Director) – Emanuele Lepore (Ex Editor & Philosophical Content Manager).

Elena Casagrande

Elena Casagrande

Director, Project Manager & Co-Founder View Details
Giorgia Favero

Giorgia Favero

Editor-in-Chief View Details
Sara Roggi

Sara Roggi

Editor View Details
Federica Bonisiol

Federica Bonisiol

Editor & Press Office View Details
Alessandro Basso

Alessandro Basso

Editor & Press Office View Details
Giacomo Dall'Ava

Giacomo Dall'Ava

Collaboratore View Details
Alessandro Tonon

Alessandro Tonon

Editor View Details
Luca Mauceri

Luca Mauceri

Collaboratore View Details
Alvise Gasparini

Alvise Gasparini

Editor View Details
Anna Tieppo

Anna Tieppo

Editor View Details
Elena Casagrande

Elena Casagrande

Director, Project Manager & Co-Founder

◤Iperattiva – amante della montagna – generosa◢

Laureata alla triennale in Filosofia e Scienze Umane presso l’Università Ca’ Foscari, Venezia, attualmente è studentessa di Editoria e Giornalismo presso l’Università degli Studi di Verona, socio-fondatore della casa editrice Incipit Editore e Project Manager del progetto stART Dare forma alla creatività.

«Ogni scelta comporta un cambiamento».

Giorgia Favero

Giorgia Favero

Editor-in-Chief

◤ambientalista in progress – Jane Austen – teinomane◢

Ha una laurea in Progettazione Architettonica conseguita al Politecnico di Milano e si sta laureando in Storia delle Arti e Conservazione dei Beni Artistici all’Università Ca’ Foscari Venezia. Nel frattempo cerca di scoprire la sua strada, sperando che coniughi la sua passione per i viaggi e per la scoperta di nuove lingue e culture, con l’arte e la letteratura. Nel frattempo si dedica ai viaggi (piuttosto rari ma intensamente vissuti), ai suoi romanzi eternamente incompiuti e i lavoretti noiosi. Sperimenta ogni giorno l’insostenibile leggerezza dell’essere.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Pensieri ad alta voce”.

«So che esisti. Non per uno scopo, non per una qualche necessità, semplicemente: so che esisti. Dunque, cerca di ricordarti sempre che tu esisti».

Sara Roggi

Sara Roggi

Editor

◤etica – danza – “Volevo essere una farfalla”◢

Sara Roggi è una studentessa laureata in Filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha proseguito i suoi studi a Parigi all’Université Paris Descartes (Paris v), in una specializzazione in Scienze della Società, con un progetto di ricerca in filosofia morale. Dal 2015 è iscritta alla Società Filosofica Italiana (SFI).

«La magrezza incarna quel richiamo. Quel bisogno di essere amati e riconosciuti come persone insostituibili. Mentre si rimane attanagliati da delle aspettative a cui non riusciremmo mai ad adeguarci, si grida in silenzio, si parla con il corpo».

Federica Bonisiol

Federica Bonisiol

Editor & Press Office

◤essenzialità – born to be wild – segno zodiacale Leone◢

Laureata in Filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha proseguito gli studi con la magistrale in Storia. Ha avuto la possibilità di svolgere alcune esperienze di studio e stage in Francia, paese che un giorno vorrebbe visitare per intero. Durante il periodo estivo lavora da anni in una gelateria, apprezzando particolarmente il contatto con la gente che questo tipo di attività le consente di intrattenere. Costantemente attirata da progetti ed iniziative di ambito sociale è stata impegnata come volontaria del Servizio Civile Nazionale, imparando a conoscere il magico mondo della letteratura per bambini e ragazzi.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Leggendo il passato”.

«Il nostro stare-nel-mondo oggi è determinato dall’ansia dell’essere adeguati, di fronte alle persone o nelle situazioni. Le nostre energie sono rivolte al soddisfacimento dei desideri che quotidianamente si delineano nuovi nei nostri orizzonti. Il nostro essere è totalmente pervaso da un’attenzione che potremo definire “presentistica”: ciò che conta è il fare esperienza, il vivere appieno il qui ed ora. Ma il passato, in qualsiasi declinazione esso si presenti, giunge inevitabilmente a influenzare il nostro presente, il nostro modo di disporci nella storia, e il nostro modo di guardare al futuro».

Alessandro Basso

Alessandro Basso

Editor & Press Office

◤Parthenope – controcorrente – sguardo◢

Sono nato a Treviso nel 1988, nel 2007 ho conseguito il diploma triennale in grafica multimediale e pubblicitaria all Centro di Formazione Professionale Turazza di Treviso; dopo aver lavorato alcuni anni, ma soprattutto dopo un viaggio in Australia, sono tornato sui libri e nel 2013 ho conseguito il diploma di maturità al Liceo Linguistico G. Galilei di Treviso. Attualmente sono laureando in Storia e Antropologia all’Università Ca’Foscari di Venezia.
Mi piace molto leggere, senza tuttavia avere un genere preferito; i miei interessi spaziano dalla cultura umanistica alla sociologia, e in certi ambiti anche alla geologia.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Societas”.

«In passato abbiamo posto le basi del nostro europeismo, inteso come cultura occidentale apparentemente elevata, in tre continenti su cinque (escludendo l’Antartide… non me ne vogliano i pinguini imperatore)».

Giacomo Dall'Ava

Giacomo Dall'Ava

Collaboratore

◤idee a portata di mente – formazione & ironia – soft skill cerebrali◢

Giacomo Dall’Ava: filosofo con la testa ben attaccata al corpo, i piedi per terra e pragmatismo, tanto pragmatismo per professione. Collabora con Sebastiano Zanolli, suo mentore e ispiratore. Si occupa di crescita del Sé e miglioramento personale in ambito aziendale, familiare e scolastico.
Spesso intento a mettere nero su bianco pensieri, riflessioni, ragionamenti per render tutti partecipi di quello che ha in testa. Ha pubblicato un libro di poesie e insegna Filosofia del Corpo in una scuola di Counselling Psicomotricità.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “NeuroSophia”.

«Se oggi possiamo camminare eretti, immersi nell’agio e nelle comodità del Ventunesimo secolo, esibendo il nostro pollice opponibile su smartphone e smanettando sui tablet, non dobbiamo ringraziare soltanto Steve Jobs e il suo garage, ma dobbiamo partire dalla mente e dal cervello umani. Nel corso della storia dell’uomo infatti, per ottenere un costante miglioramento della tecnica, la via del progresso è sempre passata per la necessaria presa di coscienza della propria condizione: l’autocoscienza, mezzo e fine delle nostre attività mentali».

Alessandro Tonon

Alessandro Tonon

Editor

◤conosci te stesso – ricerca di senso – bellezza◢

Laurea triennale in Filosofia e Storia e laurea magistrale in Filosofia della società dell’arte e della comunicazione presso la Ca’ Foscari di Venezia. Alta formazione universitaria nella pratica del Coaching psychology.
Attualmente iscritto al master universitario in Counseling presso lo IUSVE di Mestre.
Da sempre interessato alla dimensione esistenziale dell’uomo in tutte le sue sfumature.
Insegna all’Università degli adulti e degli anziani di Conegliano (sezione San Fior).

«La vita stupisce sempre. In essa c’è sempre qualcosa che evade la prigione del concetto. Che rimanda all’oltre».

Luca Mauceri

Luca Mauceri

Collaboratore

◤◢

Nato a Treviso nel 1990, dopo la maturità scientifica si è laureato in “Filosofia della società, dell’arte e della comunicazione” all’Università Ca’ Foscari di Venezia (110/110 e lode) con una tesi sul pensiero ontologico italiano contemporaneo.
Da sempre oltre all’interesse per la filosofia in tutti i suoi aspetti, coltiva quello per la musica, la lettura, il disegno, i viaggi. Nella rubrica “Il terzo occhio” cerca di far confluire tutti gli stimoli che queste esperienze comportano.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Il terzo occhio”.

«Ogni suono è anche un vero e proprio luogo e ogni luogo è un sentimento».

Alvise Gasparini

Alvise Gasparini

Editor

◤formazione – pipa – dynamis◢

Alvise Gasparini, nato il 28 novembre 1996. Abito al Lido di Venezia. Diplomato al Liceo linguistico Niccolò Tommaseo di Venezia e attualmente laureando in Filosofia e Scienze umane a Ca’ Foscari. I miei interessi sono la pedagogia (studio che vorrei continuare), la bioetica, il cinema, il calcio, la lettura e ovviamente la scrittura. Mi piace il potermi mettere in contatto con il lettore nel mio scrivere, spaziando tra varie tematiche, come se fosse una dialogo faccia a faccia con una persona. Giro sempre con un fido taccuino per annotare la bellezza della vita. “Leggiamo il mondo nel modo sbagliato e diciamo che esso ci delude” Tagore.

«Ritrovandomi a far parte di questo sistema mi sono chiesto cosa mancasse, quale fosse quell’elemento aggiuntivo che riusciva a rendermi così incompleto, così insoddisfatto».

Anna Tieppo

Anna Tieppo

Editor

◤libromane – pirandelliana – meglioildolcecheilsalato◢

Laureata magistrale in Lettere presso l’Università di Padova con una tesi su Sbarbaro, Rebora e Campana (e chi sono??!! Mi domandano i più) ama la buona letteratura e la poesia e pensa che quest’ultima sia una forma d’arte ormai troppo trascurata. Le piace viaggiare, assistere a mostre e informarsi sulle ultime tendenze culturali. Nei week-end lavora presso un piccolo museo, esperienza che le ha permesso di arricchirsi molto sia dal punto di vista umano che da quello della conoscenza storica, archeologica e artistica delle nostre zone.

«Solo chi avrà la pazienza di osservare con sguardo vigile e cogliere l’antico non avrà compiuto il viaggio invano, perché le rovine del tempo costruiscono dimore nell’eternità».