Hanno collaborato al progetto:

Chiara Amodeo – Ilaria Berto – Sara Caon – Gianluca Cappellazzo – Cecilia Coletta – Valentina Colzera – Giordana De Anna – Nicole della Pietà – Giulia di Nola – Donatella Di Lieto – Giuliano Galletti – Alessio Maguolo – Stefania Mangiardi – Umberto Mistruzzi – Luzia Riberio Da Costa – Alessandro Storchi – Marco Tuono.

Leonardo Albano

Leonardo Albano

Editorialista View Details
Martina Basciano

Martina Basciano

Editorialista View Details
Francesca Capano

Francesca Capano

Editorialista View Details
Claudia Carbonari

Claudia Carbonari

Editorialista View Details
David Casagrande

David Casagrande

Editorialista View Details
Francesco Codato

Francesco Codato

Editorialista View Details
Sonia Cominassi

Sonia Cominassi

Editorialista View Details
Elisa Dalla Battista & Francesca Lurci - La valigia del filosofo

Elisa Dalla Battista & Francesca Lurci - La valigia del filosofo

Editorialisti View Details
Marco Donadon

Marco Donadon

Editorialista View Details
Greta Esposito

Greta Esposito

Editorialista View Details
Francesco Fanti Rovetta

Francesco Fanti Rovetta

Editorialista View Details
Lorenzo Gardellin

Lorenzo Gardellin

Editorialista View Details
Jessica Genova

Jessica Genova

Editorialista View Details
Azzurra Gianotto

Azzurra Gianotto

Editorialista View Details
Lorenzo Gineprini

Lorenzo Gineprini

Editorialista View Details
Riccardo Liguori

Riccardo Liguori

Editorialista View Details
Massimiliano Mattiuzzo

Massimiliano Mattiuzzo

Editorialista View Details
Tommaso Meo

Tommaso Meo

Editorialista View Details
Giacomo Mininni

Giacomo Mininni

Editorialista View Details
Matteo Montagner

Matteo Montagner

Editorialista & Co-Founder View Details
Silvia Pennisi

Silvia Pennisi

Editorialista View Details
Roberto Silvestrin

Roberto Silvestrin

Editorialista View Details
Anita Santalucia

Anita Santalucia

Editorialista View Details
Luca Sperandio

Luca Sperandio

Editorialista View Details
Gianluca Venturini

Gianluca Venturini

Editorialista View Details
Matteo Villa

Matteo Villa

Editorialista View Details
Alvise Wollner

Alvise Wollner

Editorialista View Details
Maddalena Borsato & Jacopo Giacomoni - Aristortele

Maddalena Borsato & Jacopo Giacomoni - Aristortele

Collaboratori View Details
Luca D'Auria

Luca D'Auria

Collaboratore View Details
Lisa De Chirico

Lisa De Chirico

Collaboratrice View Details
Salvatore Musumarra

Salvatore Musumarra

Collaboratore View Details
Tito Sartori

Tito Sartori

Collaboratore View Details
Leonardo Albano

Leonardo Albano

Editorialista

◤entropia – Plutone – Hakuna Matata◢

Aspirante asceta e narratore, m’inoltro in passeggiate sinanche in capo al mondo per amore dell’avventura. Classe 1994, la formalità è la mia peggior nemica, ovunque mi accompagna la musica e l’ironia mi tiene in vita. Innamorato della luna e della notte, sogno di fare il pescatore tra i ghiacciai islandesi e di viaggiare nello spazio, ma nel frattempo faccio il bravo filosofo e capisco tutto senza inventare niente.

«Se la verità è luce, ha già perso in partenza: miliardi di stelle e l’universo è ancora buio».

Martina Basciano

Martina Basciano

Editorialista

◤relazione – identità – gusto◢

Martina Basciano, nata a Conegliano il 7 giugno 1993. Ha frequentato il Liceo Scientifico della comunicazione, dove ha acquisito buone competenze di tipo relazionale. Si iscrive alla triennale in Filosofia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e matura un forte interesse per l’Etica di fine vita e la Bioetica, sviluppatosi soprattutto dopo la scomparsa della madre alla quale è stata dedicata l’Associazione benefica di promozione sociale “Il sorriso di Cristina”. Attualmente frequenta il Master in “Cultura del Cibo & del Vino” a Venezia, altra sua grande passione; con lo scopo di raccontarla attraverso la filosofia, partendo dalle forme del pensare, in relazione alla storia e al territorio.

«Signora, che cosa possiamo mai sapere noi donne se non filosofie da cucina?… Si può benissimo filosofare e preparare la cena. E io dico spesso pensando a tali bagatelle: se Aristotele avesse cucinato, avrebbe scritto molto di più».

Francesca Capano

Francesca Capano

Editorialista

◤viaggiare – conoscere – pensare◢

Laureata in Relazioni Internazionali in Italia, ha successivamente approfondito il suo interesse per la sicurezza internazionale con un Master a Londra. Attualmente vive a Bruxelles, dove si occupa principalmente di prevenzione della radicalizzazione e migrazione in ambito europeo. Segue principalmente la politica internazionale, senza perdere di vista le sue ripercussioni interne a cui affianca una prospettiva sociologica e antropologica.

«La speranza è che fra dieci anni potremo dire che alla fine il viaggio non è stato circolare e che ad un passo dal chiudere il cerchio, la storia ha invece deviato il suo corso verso un nuovo inizio».

Claudia Carbonari

Claudia Carbonari

Editorialista

◤poesia – meraviglia – creatività◢

Laureata in storia dell’arte nel 2013 con una tesi di carattere antropologico, ho poi proseguito la mia formazione con un master in promozione e valorizzazione della cultura enogastronomica e del territorio. Questo mi ha permesso di relazionare il mio interesse per la cultura con tematiche di carattere ambientale, come l’estetica e la tutela del paesaggio, e il turismo sostenibile.
Le arti visive restano comunque la mia passione principale, una passione che cerco di alimentare con cura per sentirmi sempre stimolata a fare ricerca e a mantenermi curiosa e critica nei confronti del mondo.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Colazione sull’erba”.

«L’arte anticipa i cambiamenti, comunica con la coscienza collettiva, apre gli occhi, scuote. Chiama alla partecipazione, muove le masse e fa parlare, nel bene e nel male.Se diventiamo consapevoli e se impariamo a distinguere il discorso sul contenuto da quello sulla forma, essa diventa un’indispensabile chiave di lettura della realtà».

David Casagrande

David Casagrande

Editorialista

◤Μυθοποίησις – Kierkegaard – Mainagioia◢

Nato nel 1992, laureato cum laude in Filosofia a Venezia dopo un anno di studio in Galizia, in febbraio si laureerà in Scienze Filosofiche nella medesima università.
Collabora esternamente in qualità di Esperto per il potenziamento presso i Licei classico e scientifico di Vittorio Veneto.
Parla fluentemente inglese, spagnolo e danese, comprende il tedesco e le lingue classiche.
Di formazione hegeliana per necessità, passa all’esistenzialismo ottocentesco per amore (per sé e per gli altri), nella convinzione di dover stare eternamente “in bilico tra spirito e carne”.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “SAK – Simply Ask Kierkegaard”.

«Se l’amore tanto più è grande quanto più è semplice, e se la massima semplicità sta nel meravigliarsi, allora non è affatto strano che l’amore voglia essere accolto dai semplici, da coloro che non hanno parole».

Francesco Codato

Francesco Codato

Editorialista

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Comunicare la salute”.

Sonia Cominassi

Sonia Cominassi

Editorialista

◤funambola esistenziale – amante di sapienza – teneramente avventurosa◢

Classe 1992. Testa filosofica coronata per due volte d’alloro,
con altrettante tesi in studi politici e filosofico-politici.
Ammaliatrice di parole e dalle parole ammaliata.
Crede che nella filosofia si possa trovare una scintilla di autentica ispirazione
oppure l’ultima pallida luce che precede il tramonto,
ma non è ancora sicura della sua risposta.

«La sua è la storia che narra di una pluralità di storie».

Elisa Dalla Battista & Francesca Lurci - La valigia del filosofo

Elisa Dalla Battista & Francesca Lurci - La valigia del filosofo

Editorialisti

◤logica e filosofia – laboratori per bambini – giocare con le storie◢

La valigia del filosofo è un progetto di logica e filosofia per bambini. Dal 2015 organizza laboratori in scuole, librerie e centri culturali nelle città di Firenze, Prato, Pistoia e Verona. Francesca Lurci ed Elisa Dalla Battista, laureate in Filosofia e laureande in Logica, ne sono le autrici.

«Ci spiegò il bambino che per filosofare bene, indipendentemente dall’argomento, servono buone argomentazioni. Serve sapere, insomma, che se le valigie di piatti sono pesanti e io sto sollevando una valigia leggera, allora è sicuro che questa non contiene piatti».

Marco Donadon

Marco Donadon

Editorialista

◤empatia – memoria – margini◢

Nato nel 1992 a Venezia, frequenta tutta la trafila scolastica galleggiando tra i voti 5 e 6. Annaspando riesce a diplomarsi al Liceo Scientifico non sapendo un’acca di chimica e matematica. Dopo mezzo anno accademico all’ombra di Jung e Freud a Padova, si iscrive alla facoltà di Storia di Venezia senza grandi pretese. Nonostante tutto il mondo la consideri la via contemporanea alla disoccupazione, la nuova carriera accademica comincia ad affascinarlo da subito. Ora frequenta il corso Magistrale di “Storia dal Medioevo all’età contemporanea” sempre a Venezia. Tra un esame e un articolo, ama guardare i film che nessuno conosce, si diverte a giocare a pallacanestro e venera il caffè.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Profili in ombra”.

«Ciò che ricerchiamo paradossalmente potrebbe non esistere. Ciò che crediamo è plausibile che non sia mai avvenuto. Teniamoci le nostre convinzioni a patto di essere consapevoli che sono solo un frammento della Verità. Non livelliamo sempre per togliere le increspature, uniche tracce di vitalità intellettuale».

Greta Esposito

Greta Esposito

Editorialista

◤In divenire – psichedelia – Dasein◢

Diplomata al liceo classico Marco Minghetti di Bologna, si è da poco laureata in scienze filosofiche all’università di Bologna con una tesi sul “comprendere” nella psicologia descrittiva e analitica di Dilthey e nella psicopatologia di Karl Jaspers.
Si interessa principalmente di fenomenologia, filosofia dell’esistenza e psicopatologia fenomenologica.
Nel tempo libero ama viaggiare in compagnia della sua reflex, scrivere e ascoltare musica (rigorosamente rock).

«Ogni volta che abbiamo la sensazione che chi amiamo ci sfugga, percepiamo quel timore che tuttavia è proprio ciò che ci permette di continuare a ricercare, a scoprire le profondità dell’altro, interpretando costantemente i segni che l’amato porta con sé.
Questo movimento infinito di “interpretazione” dell’altro, è ciò che ci rende consapevoli della nostra esistenza, dal momento che solo trasgredendo quella voce interiore che mi mette in guardia dai pericoli di un cammino non ancora percorso, ricevo quella spinta vitale che mi consente di crescere, diventando pienamente consapevole della mia interiorità».

Francesco Fanti Rovetta

Francesco Fanti Rovetta

Editorialista

◤Là dove c’è il pericolo, cresce anche ciò che salva – contraddizione◢

Nato a Brescia nel 1995, diplomato al liceo classico Arnaldo da Brescia, frequenta attualmente il corso di laurea in filosofia a Ca’ Foscari.
Si interessa di estetica e si propone di indagare i numerosi e intricati sentieri che muovono tra filosofia e letteratura.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “L’ombra dei giganti”.

«Quando la ruota della storia, dell’arte e del pensiero sembrano incepparsi, quando come genere umano si è stanchi e insofferenti ci si può avvolgere nel passato, nella memoria, così a fondo da ritrovare le sorgenti dello spirito e una rimediata originalità».

Lorenzo Gardellin

Lorenzo Gardellin

Editorialista

◤On the road – figlio – fratello◢

Nato a Mestre nel febbraio 1990. Si diploma presso il liceo classico R. Franchetti e in seguito si iscrive alla facoltà di Storia dell’Università Cà Foscari, a Venezia.
Dopo una parentesi lavorativa, consegue la laurea triennale nell’aprile 2015 con una tesi sui Nazionalisti e l’Interventismo a Venezia nel 1915.
Ex cestita fallito ora nuotatore occasionale, amante di Kerouac, si avvicina alla scrittura e al cinema fin da bambino, dimostrando una passione vorace per il grande schermo.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “L’età dell’oro”.

Jessica Genova

Jessica Genova

Editorialista

◤Viaggio ergo sum – Joyful – Generous◢

Mi sono laureata in Filosofia all’Università di Genova con il massimo dei voti. Attualmente sono iscritta al corso magistrale “Human Rights and Multi-level Governance” di Padova.
Dal 2014 sono osservatrice della commissione XG HEPA (health enhancing physical activity) per promuovere l’insegnamento dei Diritti Umani nelle attività sportive.
Tra lavoro e studio non mi manca il tempo per scoprire il mondo: Erasmus in Spagna, educatrice in Irlanda, insegnante di diritti umani in India, volontariato in Turchia.
Il mio motto? “Viaggio ergo sum”.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “La lanterna”.

«Lo spirito del terrore è al centro del nostro mondo, in particolar modo quello mediatico, diventando una patologia comunicativa. Appare, così, più drammatico di quanto esso sia in realtà. È più rilevante quello che si riesce a far dire ai media del nemico rispetto a quello che si proferisce attraverso i propri».

Azzurra Gianotto

Azzurra Gianotto

Editorialista

◤”Trasforma ogni così fu in così volli che fosse” – Resilienza – Denken◢

Laureata in Filosofia e Scienze Umane a Venezia, studia attualmente Editoria e Giornalismo a Verona. Si interessa di filosofia estetica e rinascimentale e adora la letteratura tedesca dell’Ottocento. Scrive racconti e narra di storie di vite, diverse quanto lo sono le esperienze che ci possono accadere in una sola esistenza.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Promemoria filosofico”.

«Vorrei che avessi l’onestà di parlare a te stesso. Per chiarire le cose che sospeso con il tuo Io, con quel Se che alla fine è te stesso, ma mai lo stesso. Per ricordarti quanti vali, quanto veramente puoi essere contento di te quest’anno. Questo è il mio dono, per riportare alla luce chi sei e cosa hai fatto per arrivare dove ti trovi».

Lorenzo Gineprini

Lorenzo Gineprini

Editorialista

◤The Hours – La grande bellezza – Afterhours◢

Nato a Torino nel 1994, dove si è laureato in filosofia. Appassionato della Germania e della filosofia tedesca, che fa dialogare con fenomeni pop contemporanei: dal cinema alla moda, dalla musica alle serie tv. Oltre che con “La chiave di Sofia” collabora con “Cinephilo”.

Riccardo Liguori

Riccardo Liguori

Editorialista

◤No hero – parole in circolo – un cuore pensante◢

Molto legato al mondo della natura e sensibile alle tematiche dell’ecologia, è affascinato dai sentieri poco battuti. Proveniente da studi classici, ha conseguito la laurea triennale e magistrale in Filosofia, curriculum scienze umane, presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. I suoi principali interessi in questo campo sono indirizzati all’esistenzialismo in Kierkegaard e al dibattito bioetico riguardante il rapporto medico-paziente, rispettivamente oggetto delle due tesi di laurea.

«Il medico che si abbandona ad un approccio univoco e senza intermediari può fornire una spiegazione di fatti ma non arriva alla comprensione dei significati, privandosi di un contatto con la dimensione più intimamente umana dell’individuo malato, e questo perché un fatto derubato del proprio significato non possiede nulla di umano. Il fatto da solo non può esprimere il suo significato. D’altra parte, il significare non è forse riferirsi a qualcosa che va oltre il fatto stesso (quindi il trascenderlo)? Non è forse quel qualcosa che si rivela analizzando il senso cui il fatto rinvia e non il modo con cui il fatto si verifica?».

Massimiliano Mattiuzzo

Massimiliano Mattiuzzo

Editorialista

◤pioggia – “Together we can” – sole◢

Nato nel febbraio del 1995.
Sono un pessimo ottimista;
ma anche un ottimo pessimista.
Girerò il mondo… un giorno o l’altro…
Studio Filosofia a Venezia, anche se non so bene il perché…

“Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior”.
[Catullo, Carme 85]

«“Perché?” è un uccello che spicca il volo nel cielo della possibilità, che non si lascia imprigionare nella gabbia dell’opinione di massa».

Tommaso Meo

Tommaso Meo

Editorialista

◤ironia, curiosità, una grandissima paura di dire cose banali◢

Tommaso, 22 anni, diplomato al liceo scientifico e laureando in Lettere moderne a Ca’ Foscari, Venezia. Dopo un Erasmus è rimasto innamorato di Barcellona e della Spagna. Segue con interesse le vicende politiche del Belpaese e non solo. Adora il cinema, il calcio e la buona birra. Non si prende mai sul serio, o almeno ci prova.

«L’unica possibilità perché una democrazia funzioni è che questa si basi su informazione e consapevolezza».

Giacomo Mininni

Giacomo Mininni

Editorialista

◤Strada facendo – ¡Ultreya! – ΙΧΘΥΣ◢

Giacomo Mininni, nato a Firenze, si è laureato cum Laude in Scienze Filosofiche presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi di Firenze nel 2013. Scrive in qualità di critico cinematografico per il settimanale La croce, collabora frequentemente con il trimestrale Prospettive, edito dalla ONLUS Opera per la Gioventù “Giorgio La Pira”, col settimanale ToscanaOggi e con altri periodici. Ha curato due capitoli del volume Pino Arpioni e La Vela. Sessant’anni di campi scuola di Claudio Turrini, edito da Edizioni Cooperative Firenze 2000 nel 2014, e l’introduzione di Le filosofie inconsapevoli. Pedagogia della non conoscenza di Fabio Fineschi, edito da Ladolfi Editore nel 2016. Sempre con Ladolfi ha pubblicato nel 2015 Verso il mare. La filosofia della storia di Giorgio La Pira. Da dieci anni si occupa di dialogo interculturale e interreligioso presso l’Opera per la Gioventù “Giorgio La Pira”.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Di uomini e dei”.

«Se è vero che nella sua forma pervertita la religione è un eccellente strumento di asservimento delle masse, nella sua forma pura, slegata dai giochi di potere, è invece uno strumento unico di liberazione delle coscienze, almeno sul piano politico. Chi ha Dio come autorità suprema cui rispondere non si asservirà mai ad alcun uomo, fosse anche un dittatore».

Matteo Montagner

Matteo Montagner

Editorialista & Co-Founder

◤Nietzsche – pensiero critico – progressismo◢

Classe 1985, laurea triennale e magistrale in Scienze Filosofiche presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. In seguito a un Master In Strategie d’Impresa de Il Sole 24 Ore Ha partecipato inoltre a progetti innovativi promossi dal Prof. Fabrizio Panozzo e il MacLab con il Dipartimento di Management di Ca’ Foscari.

Silvia Pennisi

Silvia Pennisi

Editorialista

◤equilibrio – giallo – be happy◢

30 anni, laureata in Filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, si è specializzata presso la Facoltà di Bioetica dell’Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma. Ha lavorato come collaboratrice di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Padova per il progetto FIRB 2006 su “Bioetica della genetica”. È autrice di Consulenza e test genetici nella pratica clinica. Aspetti etici, giuridici e sociali (Il Poligrafo, Padova 2012).

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Bioeticamente”.

«Il progresso medico oltrepassa costantemente la frontiera di ciò che possiamo fare, mentre crescono le differenze e i conflitti su ciò che vogliamo, che dovremo fare. Le scelte esistenziali sono oggetto di una problematizzazione e riflessione critica proprie di una filosofia che può, anzi deve, mettersi a servizio della medicina attraverso un passaggio da un pensiero essenzialmente teorico e spesso lontano dalla vita quotidiana, ad una modalità d’azione più diretta ai problemi concreti dell’esistenza».

Roberto Silvestrin

Roberto Silvestrin

Editorialista

◤tradizione, rivelazione, vertigine della storia◢

Classe 1990, studi classici, laurea triennale in Filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, laurea magistrale in Filosofia della Società, dell’Arte e della Comunicazione nel medesimo ateneo. Attualmente lavora come giornalista. Da sempre appassionato alla filosofia politica e a quella contemporanea, ha dedicato la propria tesi triennale all’analisi del rapporto tra irrazionalità e potere politico in Foucault, Nietzsche, Bataille e Freud. La sua tesi magistrale riguarda invece la teodicea agostiniana.
Recentemente ha approfondito i propri studi su Gioacchino da Fiore, letto attraverso le indicazioni di Voegelin e sulla scia dei temi proposti da Samek Lodovici e Del Noce per quanto riguarda la gnosi contemporanea.

Anita Santalucia

Anita Santalucia

Editorialista
Luca Sperandio

Luca Sperandio

Editorialista

◤arte – musica – viaggiare◢

Nato a Conegliano nel 1992, sono cresciuto a Santa Lucia di Piave. Iscrittomi al Liceo Classico di Conegliano, ho alternato le attività scolastiche con quelle sportive (atletica leggera). Concluso il liceo nel 2011, mi sono iscritto al corso di laurea di Conservazione dei Beni Culturali all’Università Ca’ Foscari di Venezia, conseguendo la laurea triennale nel 2014 con una tesi dalla quale è stato poi tratto un breve articolo pubblicato nel 2015 nella rivista specialistica “Arte Veneta”. Iscritto ora al corso di laurea magistrale di Storia delle Arti e Conservazione dei Beni Artistici, sto concludendo gli studi universitari sperando poi di potermi occupare della mia grande passione, la storia dell’arte.

«Differentemente da un film, nella storia dell’arte i ruoli non sono mai costanti, e chi viene considerato un protagonista dagli occhi e dalle menti di un dato secolo viene poi, in numerosi casi, ridotto a figura secondaria dagli spettatori del secolo successivo, e così viceversa».

Gianluca Venturini

Gianluca Venturini

Editorialista

◤libri – libri – ancora libri◢

Sono nato a Treviso nel “lontano” 1989. Durante gli ultimi anni di Liceo ho scoperto la filosofia. Fu in qualche modo amore a prima vista, ma non potevo certo immaginare che di lì a poco sarebbe diventata una delle grandi “luci” della mia vita. Stregato dalla profondità inaudita dei pensieri che scaturivano da tale disciplina e conquistato dalla grande libertà intellettuale che essa rendeva possibile, decisi di seguirne le tracce iscrivendomi all’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove mi sono laureato prima in Filosofia nel 2011 e poi in Storia nel 2013. Attualmente sto completando gli studi che mi porteranno a conseguire la laurea magistrale in “Filosofia della società, dell’arte e della comunicazione”.

Matteo Villa

Matteo Villa

Editorialista

◤Suggestioni scientifiche – Acrobazie mentali – Nuove alchimie◢

Artista marziale incompleto, musicista dilettante, ora scrittore improvvisato. Spera e racconta a sé stesso che la somma delle competenze approssimative che coltiva, dedicandosi in maniera professionale al cazzeggio, contribuisca a raffinare la sensibilità della sua riflessione. Per giustificare alla società la collezione disordinata dei suoi interessi si laurea prima in filosofia, e poi in scienze cognitive. La passione per i processi di apprendimento ma soprattutto il complesso di inferiorità rispetto a chi ha frequentato facoltà scientifiche lo portano a lavorare in un noto museo della scienza, dove collabora allo sviluppo di progetti culturali nazionali e internazionali sul rapporto tra scienza e società.

«Una volta che la domanda non è più come realizzare quello che sogni, perché tutto quello che immagini si può concretizzare, allora che cosa oserai immaginare?».

Alvise Wollner

Alvise Wollner

Editorialista

◤cinefilo – notturno – oculato◢

Nato a Treviso nel 1991 consegue, tra il 2010 e il 2013 la maturità classica e la laurea triennale in Lettere e Filosofia con il massimo dei voti. Decide quindi di specializzarsi nel giornalismo iniziando a collaborare con diversi quotidiani e magazine online tra Treviso e Milano. Appassionato di cinema e di narrativa, ha scritto una serie di racconti brevi, pubblicati da Camera di commercio di Milano e Kellermann editore. Dal 2013 collabora con La Biennale di Venezia durante l’annuale Mostra d’arte cinematografica.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Fil(m)osofia”.

«Chi guarda solo con gli occhi è un uomo cieco».

Maddalena Borsato & Jacopo Giacomoni - Aristortele

Maddalena Borsato & Jacopo Giacomoni - Aristortele

Collaboratori

◤kantucci – semifreud – marxmallows◢

Maddalena Borsato e Jacopo Giacomoni sono una pasticcera hegeliana e un dottorando mancato dall’eccellente metabolismo. Entrambi laureati in Filosofia, sono i fondatori del sito web aristortele.it, dove, attraverso ricette e riflessioni, tentano di “fare filosofia con il cucchiaio”. Sono convinti che la ricerca della perfezione ideale sia ciò unisca profondamente pasticceria e filosofia. Si impegnano con ogni ricetta a farvi diventare i Socrate del Simposio, i Gorgia dell’agone culinario, i Sant’Agostino della Saint Honoré, i Marx della Lotta di glasse, gli Heidegger del Da-ssert,i Nietzsche del Superuovo, gli Hegel del bignè assoluto.

«Come diceva il buon Kant: “Il cielo stellato sopra di me, la crema pasticcera dentro di me”».

Luca D'Auria

Luca D'Auria

Collaboratore

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Justice of Mind”

Lisa De Chirico

Lisa De Chirico

Collaboratrice

◤meraviglia – follia – funambolici pensieri◢

Cammino in punta di piedi sul limite di ogni cosa, dove ogni forma di espressione è la conquista di un provvisorio equilibrio: un segno tracciato su un foglio, il progetto di uno spazio, un frammento di realtà rubato da uno scatto, non sono nient’altro che funambolismi, tentativi di avanzare lungo il filo senza mai cadere.
Tutto è condensazione di ciò che sono e immagino, dove ciò che viene definito arte, architettura, fotografia e scrittura, perde i propri limiti e si mescola.

Maturità artistica presso il Liceo Artistico Statale di Treviso e laurea in Architettura presso lo IUAV di Venezia. All’attività lavorativa nel campo della progettazione architettonica e dell’interior design affianco un’attività di ricerca in ambito architettonico, artistico e filosofico.
Dal 2015 collaboro come corrispondente esterna con Pièra la rivista dell’ordine degli architetti della provincia di Treviso e dal 2014 con La Chiave di Sophia.

Per La Chiave di Sophia ho scritto:
“Un unico grande respiro”
“L’aria scolpita_Pensieri di architettura”
“Il gusto amaro del mattino”
“Linee tratteggiate a perdere”

Salvatore Musumarra

Salvatore Musumarra

Collaboratore

◤Nietzschean – Visionary – Dadà◢

Classe 1987, laureando in Scienze per la Comunicazione presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche di Catania, in forza al magazine Ninja Marketing. Aderisce al manifesto ideologico dell’Osservatorio Filosofico del progetto Filosofia in Movimento. Nella sua prospettiva di ricerca sta cercando di dare vita ad un movimento d’avanguardia: il Movimento Prattista, il quale si pone come nuova e ardita avanguardia artistica e filosofica.

Per La chiave di Sophia ha realizzato la rubrica “Il dadaista”.

«La vita sa rendere potente la più piccola astensione come la più grande manifestazione».

Tito Sartori

Tito Sartori

Collaboratore

Lavoro come psicoterapeuta e docente presso Centro Eidos, sede trevigiana del Centro Milanese di Terapia della Famiglia e Scuola di Specializzazione per medici e psicologi. Per lo stesso centro opero come membro della redazione di Connessioni – Rivista di consulenza e ricerca sui sistemi umani.

Coordino un servizio scientifico-professionale che ho fondato 10 anni fa e che si occupa di interventi psicologici e educativi presso una rete di istituti che si estende dall’infanzia fino alle secondarie di secondo grado (Fondazione O.M.C. Collegio Vescovile Pio X di Treviso).

Realizzo interventi per aziende e organizzazioni locali e nazionali, fornendo strumenti psicologici immediatamente spendibili in ambito lavorativo. Attualmente sto lavorando con Cù Design, intrecciando il sapere sulle relazioni con quello dell’architettura di interni.

La mia formazione base è di tipo psicologico e si è poi ampliata con l’adozione del modello sistemico-relazionale milanese e la successiva integrazione di altri pensieri provenienti dalla filosofia, dall’antropologia, dalla sociologia, dalla biologia.