Hikikomori: l’universo in una stanza

Un ritiro dalla vita sociale e da tutto ciò che la caratterizza. Ogni forma di comunicazione con l’esterno viene interrotta, la stessa identità inizia a vacillare sotto il peso del silenzio che l’isolamento porta con sé. Questi sembrano essere i denominatori comuni dell’hikikomori, fenomeno dilagante in Giappone che sembra stia assumendo i contorni di una vera e propria “piaga sociale” e le cui vittime sono soprattutto i giovani.

Hikikomori, espressione formata dalle parole hiku (tirare) e komoru (ritirarsi), fu coniato dallo psichiatra Saito Tamaki per definire l’autoisolamento tipico di un giovane che sceglie un luogo sicuro come la stanza della propria abitazione per fuggire dalla società e da tutto ciò che essa rappresenta, ma che con il passare del tempo diventa una vera e propria prigione di solitudine. Un esilio volontario che può durare mesi o in alcuni casi anche molti anni, un allontanamento da tutto ciò che costituisce e scandisce la nostra quotidianità: la scuola, il lavoro e le interazioni con gli altri e che spesso comprende anche la totale mancanza di comunicazione e relazione con gli stessi membri del nucleo familiare. Un allontanamento che rappresenta e la paura del confronto con tutto ciò che costituisce l’altro da sé, che si ritiene in quel preciso momento pericoloso per la propria psiche e che dà vita a una forma di fobia sociale. È possibile rintracciare i fattori determinanti che spingono un giovane nel pieno della sua forza fisica e psicologica a isolarsi tra le mura di casa, riducendo al minimo lo scambio con il mondo esterno? Un fenomeno come quello dell’hikikomori non può essere semplicemente associato a una comune forma depressiva, dal momento che ha delle specificità che lo rendono un fenomeno complesso dal punto di vista clinico e sociale.

L’aspetto sociale, sottolineato da molti sociologi e antropologi, riveste un’ importanza fondamentale e può essere delineato nelle sue forme generali. La cultura tradizionale nipponica è costituita al suo interno da gerarchie, ruoli sociali e familiari molto ben delineati che impediscono una mobilità sociale libera da vincoli. Il conformismo e l’omologazione sembrano i caratteri dominanti, dal momento che nella società giapponese l’individualità assume valore solo in rapporto alla collettività e al gruppo di appartenenza. Da questo punto di vista l’identità del singolo dipende ed è vincolata per tutto il corso dell’esistenza all’identità sociale e al riconoscimento all’interno della scala sociale. Il confucianesimo, dove il modello di società è rappresentato dalla famiglia, fa sentire senza dubbio la sua influenza. In tal senso, lo stato si configura come una grande famiglia, dove i singoli devono adempiere ai loro compiti solo rispetto al grande meccanismo sociale.

Il ruolo che riveste la famiglia è un altro tassello importante da considerare se si vuole indagare il fenomeno dell’hikikomori. Le famiglie di origine, infatti, soprattutto nei confronti dei giovani di sesso maschile, riversano grandi aspettative in termini di progettualità futura e realizzazione professionale: lo studio e il lavoro sono aspetti determinanti nella vita di un giapponese di classe sociale medio-alta. È proprio per cercare di sfuggire alle pressioni sociali che l’hikikomori cerca di preservare la propria integrità psicologica scegliendo l’isolamento. La perdita del proprio ruolo all’interno della società e della famiglia sgretola l’identità generando ansia, stress e senso di colpa. Proprio per questo la famiglia e le mura domestiche vengono viste dall’hikikomori come un vero e proprio rifugio. Sono le stesse famiglie che spesso, a causa della vergogna generata dal bisogno di salvare a tutti i costi le apparenze e dalla paura del giudizio altrui, non chiedono aiuto, minimizzando e nascondendosi dietro a una passiva indifferenza: «Il ragazzo in hikikomori rimane in famiglia, sta uchi (dentro), dove non è mai rifiutato, dove può provare vergogna senza essere biasimato, dove la sua rabbia è consentita e persino la violenza è accettata»1.

Solo costruendosi una realtà alternativa, il giovane che ha fatto della solitudine e del silenzio la sua scelta esistenziale riesce a sfuggire allo sguardo dell’altro e alla perdita totale della propria identità che quello sguardo rappresenta. Ecco allora che l’ “altro”, da occasione di dialogo, confronto e ricchezza per lo sviluppo della personalità, diventa una minaccia da cui fuggire.

Il fenomeno dell’hikikomori getta luce sui limiti di una società che ha fatto dell’economia e del prestigio sociale fattori determinanti per lo sviluppo del singolo, in cui, tuttavia, le attitudini e i desideri dell’individuo sfumano, schiacciate da un senso di appartenenza invalidante e dal peso dell’omologazione.

Greta Esposito

NOTE:
1. C. Ricci, Hikikomori: adolescenti in volontaria reclusione, p. 41-42

[Immagine tratta da Google Immagini]

 

banner-pubblicita-rivista2_la-chiave-di-sophia

La personalità di Nessuno

 

Nessuno.

Nessuno è perfetto

Ma al contempo

nessuno è totalmente imperfetto.

 

Nessuno.

Nessuno è buono,

ma nessuno è totalmente cattivo.

 

Nessuno tocchi Caino,

nonostante sia la massima eresia per un Abele.

Nessuno vive per troppo tempo nel Giusto,

nessuno, per niente.

 

Nessuno è sempre qualcuno?

Nessuno eppure esiste.

Nessuno sente, ama e pensa come qualcuno

di nostra conoscenza?

 

Nessuno è sprovvisto di amore

eppure tanti Nessuno

disperatamente lo cercano.

 

Nessuno dovrebbe vivere nel dolore

eppure tutti, in diversa misura, ne ricordano i particolari.

 

Nessuno possiede l’Universo,

ma in ognuno di noi

vi è sempre un qualcosa d’universale.

 

Nessuno vede paradossi e contraddizioni,

ma grossomodo ognuno ne vive una dozzina al giorno.

 

Nessuno ha mai visto Dio,

eppure ho sentito dire molto sul suo conto:

in verità, nessuno è solo.

 

Nessuno è idealista,

eppure tutti partecipiamo al dibattito.

 

Nessuno è di tutti

e tutti son Nessuno.

 

Tu ed io siam diversi,

ma guai a te

se provi a distinguerti!

 

Nessuno ha più tempo

nonostante il Tempo sia di tutti.

 

E nel frattempo,

in questo Tempo senza tempo,

basta una brocca piena di monete d’oro

per rendere tutti i Nessuno, qualcuno.

 

Salvatore Musumarra

[Immagini  Titolo della fotografia: The Plaza Time; Autrice: Noemi Commendatore; per accedere al sito di Noemi clicca qui ]

Omologazione dell’esistenza

La nostra società è la prima a chiedere l’omologazione di tutti gli uomini come condizione della loro esistenza

Umberto Galimberti

La società è conformistica, uniforme ed omogenea, perché in fondo i bisogni materiali sono uguali a tutti li individui, perché ogni essere umano ha in comune con tutti gli altri la stessa urgenza di provvedere alla necessità della vita.

Hannah Arendt

Read more