La danza di Paul Valéry: l’arte come agire danzante

Se si rimane ancorati al tradizionale significato del termine estetica, ogni forma artistica, dalla pittura alla musica, dall’architettura alla danza, è tale in quanto produttrice di opere. Le opere d’arte formano il mondo estetico e attorno a esso ruotano critici, artisti, interpreti, più o meno concordi sui diversi significati che esse esprimono.

Nel pensiero del poeta e filosofo francese Paul Valéry, questo tipo di estetica è destinato a perire per lasciare il posto a quella che Trione ha definito estetica della mente¹. Valéry ha scavalcato completamente l’idea di arte, arrivando addirittura a negarla per sostituirvi la poiesis, intesa come la materia stessa delle possibili operazioni dell’intelletto. Termini come imitazione, riproduzione più o meno fedele al modello, non hanno più alcun senso nel pensiero dell’autore, perché l’unica via di accesso all’arte è il fare. L’artista, sotto questo aspetto, non si distingue molto dallo scienziato, poiché entrambi mirano al potenziamento delle proprie facoltà, all’acquisizione di un potere. Ma, mentre lo scienziato contribuisce a un incessante avanzamento collettivo, l’artista è solo. Egli rappresenta l’uomo che si cerca e si scopre lungo il suo cammino in un susseguirsi di atti e movimenti continui. È il movimento, in definitiva, l’essenza di ogni essere vivente; ogni opera, ogni legge da esso elaborata, lungi dall’essere inutile, è comunque sempre superabile, dal momento che rappresenta un arresto temporaneo di un processo in fieri.

In una concezione dell’arte che sposta il baricentro dall’opera all’artista, la danza acquista un posto d’onore poiché, a differenza della poesia che si serve del linguaggio, essa unisce in sé i movimenti fisici con le rigide regole intellettuali, accorciando quella distanza ancora presente tra anima e corpo, tra materia e spirito. Non appena i nostri movimenti in dissipazione vengono afferrati dalle leggi ritmiche della mente, si assiste a una danza. L’arte tutta è danza. Per Valéry essa è la metafora perfetta per rappresentare la possibile guarigione dall’abuso del linguaggio intellettuale, perché fa parlare il corpo e l’intelletto insieme, mentre agiscono².  Un codice espressivo di gran lunga più libero perché staccato dai limiti che il bisogno di significati impone alla parola. Nessun significato per l’agire estetico, solo suoni, movimenti, musicalità.

Siamo a un livello di pura forma. Il contenuto è sempre temporaneo, vale solamente nel suo contesto, perciò nessuna generalizzazione è possibile. Ogni elaborazione artistica, ogni affermazione positiva deve essere paragonata a una posa della danzatrice. Per quanto bella e affascinante, ciò che conta è che non può durare più di un istante, poiché nell’istante successivo molti parametri sono cambiati. Non esiste alcuna verità da scoprire proprio perché la natura umana è instabile, è mutevole. Ciò che in questo momento può apparire vero, potrebbe non esserlo fra una decina d’anni. Mutano i parametri di riferimento, come mutano i tempi, le cose.

Cos’è allora che non muta? È questa la domanda fondamentale che Valéry si è posto lungo tutta la sua esistenza. Egli mirava a scoprire le leggi costanti del funzionamento della macchina umana e non quelle specialistiche e settoriali delle singole scienze. Contro la sterilità di un sapere nozionistico, Valéry sostenne per tutta la vita la necessità della ricerca, di un costante allenamento delle facoltà mentali per potenziare le proprie possibilità.

Ecco l’importanza dei suoi Cahiers (261 quaderni manoscritti), vera e propria danza di idee intorno alla nozione di uomo. Nessun sistema filosofico lo interessava poiché l’unico sistema possibile è l’assenza di sistema, ovvero una molteplicità di punti di vista, dove nessuno può ritenersi mai esaustivo. Valéry sembra voler dire ai filosofi: “Non cercate di capire la danza, imparate piuttosto a danzare!”. La filosofia deve essere un’arte, una danza di concetti e idee mai definitivi, ma instabili come lo sono le pose della ballerina. Solo in questo modo si capirà quant’è limitata un’unica posizione. Un filosofo che abbracci una teoria definitiva è paragonabile a una danzatrice ferma sulla stessa posa. È un mimo, non una ballerina. E l’imitazione è l’esempio concreto di qualcosa che, anziché attingere alla vita, serve solamente a bloccarla in un’unica forma.

 

Erica Pradal

 

NOTE:
1. Cfr. A. Trione, L’estetica della mente. Dopo Mallarmé, Bologna 1987.
2. P. Valery, Philosophie de la danse, conferenza pronunciata all’Università degli Annali il 5 marzo 1936.

[Immagine tratta da David Hofmann su unsplash.com]

copertina-abbonamento-2020-promo-primavera

Il valzer esistenzialista del tempo

«Che cos’è il tempo? Se non me lo chiedi lo so; ma se invece mi chiedi che cosa sia […], non so rispondere»1.

Molti conoscono il dilemma di S. Agostino sulla natura del tempo, ma qual è il tentativo di risposta fornitoci dalla musica? Per scoprirlo ci addentreremo in quella branca della filosofia chiamata estetica, nella quale l’uomo, con un misto di stupore e autocompiacimento, si pone domande sul prodotto della sua stessa arte.

Ora, se crediamo che il pensiero filosofico si sia limitato a riflettere su forme artistiche composte di parole e linguaggio, come la poesia e il teatro, ci sbagliamo di grosso. La velleità intellettuale dei filosofi si è spinta ben oltre, sino al tentativo di descrivere la musica, forse la più evanescente tra le forme artistiche.

Priva di una parvenza visibile o tangibile e priva di un testo, la musica pura, quella strumentale, si presenta a noi come un flusso di stimoli sonori difficilmente descrivibili dalle parole e dai concetti del linguaggio. Essa ci scorre addosso e rimane in un certo senso impalpabile e indescrivibile, come la natura stessa del tempo. Ed è proprio il tempo quell’elemento che sta alla base di ogni composizione musicale. Non c’è infatti musica priva di ritmo. È questo che rende possibile l’esistenza di una melodia, ovvero di una successione di suoni scanditi, per l’appunto, dallo scorrere degli istanti. Se infatti il ritmo di tamburo potrà sussistere senza melodia, non è data la possibilità a nessuna melodia di prescindere dal ritmo o, almeno, da una cadenza temporale. Le note si incasellano quindi all’interno di un arco di tempo, così come le immagini della pittura e le forme della scultura si inscrivono in uno spazio visibile o tangibile. È proprio nella natura delle note che troviamo lo scorrere all’interno del tempo, l’avere pertanto una durata, un inizio e una fine.

Ritorniamo però al dilemma di S. Agostino. È dunque possibile che la difficoltà di spiegare la natura della musica derivi da quella di spiegarne il suo elemento essenziale? D’altra parte, dalla problematicità di descrivere il tempo deriverebbe quella di spiegare l’uomo, essere caratterizzato anch’esso, come la musica, da una natura temporale, ovvero da un inizio e una fine? E ancora, ascoltiamo la musica per comprendere noi stessi? È forse questo l’obbiettivo dell’arte dei suoni?

Secondo la filosofa francese Gisèle Brelet le cose stanno all’incirca così. La musica non solo ci aiuterebbe a scoprire la nostra natura, ma anche a godere di questa nostra essenza temporale. Nella musica, l’angoscia legata allo scorrere degli attimi lascerebbe il posto al piacere legato ad un impulso ritmico capace di coinvolgerci a tal punto da farci muovere passi di danza.

Musica come terapia esistenziale?

La posizione della filosofa francese è all’incirca questa. Forse è un po’ esagerato pensare che la musica possa portarci a sconfiggere la paura della morte o, ancor peggio, della vecchiaia. Eppure, anche se non vogliamo credere ad una visione così radicale, non possiamo non soffermarci a pensare al potere di questa forma artistica. E se già ci eravamo stupiti per il fatto che essa potesse suscitare emozioni talmente forti da consolarci nei momenti di tristezza, farci ballare in quelli di gioia, incitarci durante gli sforzi fisici, tanto da farci dimenticare la stanchezza, ora scopriamo persino che essa è capace di filosofare. Certamente non si tratta di ragionamenti deduttivi, ma di quelle profonde intuizioni che solo l’arte può essere in grado di porgerci. Ed ecco che l’intuizione del tempo ci viene indicata dalla musica, la quale, almeno per la durata di un brano, ci fa vivere attivamente il cadenzare temporale e non più subirne gli effetti angosciosamente. Il ritmo sonoro dà forma al flusso dei secondi, così come le parole erano riuscite a dar forma al flusso delle sensazioni.

Ci ritroviamo così a godere attivamente di ciò che non avremmo mai pensato: il nostro scorrere.

Giulia Gaggero

Contemporaneamente agli studi di Filosofia presso l’Università Statale di Milano porto avanti la mia passione per la musica diplomandomi in violino presso il Conservatorio G. Verdi di Milano. Incuriosita poi dalla metodologia scientifica e dalle tematiche di filosofia della mente, decido di iscrivermi al Master in Cognitive Science dell’Università di Trento. Attualmente interessata alle neuroscienze della musica e alle tematiche di neuroestetica, sto svolgendo un tirocinio presso il centro di ricerca MIB (Music in the Brain) dell’università di Aarhus (Danimarca).

NOTE:
1. Agostino, Confessiones, Libro XI

[Immagine tratta da Google Immagini]

La danza: l’arte contro il pregiudizio. Intervista a Leon Cino

Siamo abituati a guardare la televisione in modo passivo, ad osservare delle immagini che si muovono, sempre pronti a giudicare con la convinzione che il telespettatore abbia sempre ragione; non ci soffermiamo mai a capire chi si celi davvero dietro le persone che vediamo lavorare dentro quella scatola di fronte a noi, a conoscere le loro storie, i motivi che le hanno spinte ad addentrasi in un mondo dorato quanto spietato, capace di darti tanto ma anche di toglierti tutto.

Noi de La chiave di Sophia abbiamo avuto il piacere di conoscere più da vicino Leon Cino, ballerino, famoso ai più per avere vinto la terza edizione di Amici ed essere stato uno dei professionisti di ballo della trasmissione per diversi anni. Abbiamo scelto proprio lui perché si è sempre dimostrato una persona ligia al senso di dovere e responsabilità, mettendosi in gioco con umiltà e rimanendo sempre al suo posto con discrezione. Qualità che lo hanno aiutato nella vita come nella professione e che devono essere da stimolo per i giovani di oggi qualunque ambito lavorativo vogliano intraprendere.

1- Leon Cino, classe 1982, ballerino. La tua terra d’origine è l’Albania, paese che spesso si sente nominare per i flussi migratori che investono l’Italia: come hai vissuto, appena arrivato qua, l’essere albanese con i pregiudizi delle persone ipnotizzate dai mass media?

I media hanno un ruolo molto importante come anche le statistiche, credo però che tocchi a noi informarci più a fondo. Dico questo per esperienza personale: finché sei parte di una statistica la gente giudica a seconda della notizia/statistica; dopo averti conosciuto, ti apre le porte della sua casa.

2- La danza è la tua passione: quando e come è nata?

Non sapevo che questa sarebbe stata la mia passione: una sfilza di eventi mi hanno portato ad amare il ballo. La prima di tutte e forse la più ovvia è che la danza può essere tutto: divertimento, amore, spettacolo… e di questo te ne rendi conto da solo. Poi aggiungi la passione trasmessa da chi prima di te l’ha amata ed ecco che la fai tua per sempre.

12714163_1986628204894618_106758261_n  12736460_1986628211561284_1626191393_n

3- Purtroppo a volte chi non conosce il mondo della danza da vicino, vive con pregiudizio il binomio danza-uomo. Tu hai mai avuto difficoltà nella vita a causa di questo sciocco pregiudizio? Se sì, come hai reagito?

Sì, qualche evento qua e là, ma non di grande rilevanza; ho imparato che con chi ha una piccola fiamma di pregiudizio basta soffiarci sopra ed essa si spegne. Anche perché in fondo tutti da adolescenti portiamo l’amica a ballare alle feste delle medie o delle superiori o in discoteca…quindi perché avere pregiudizi?

4- In Italia hai partecipato ad un talent show, Amici: perché un ballerino di talento sceglie una trasmissione televisiva piuttosto che un teatro per esibirsi?

Sempre per una serie di eventi e un misto di: voglio provare un’avventura nuova, voglio allargare le mie vedute e così via!

5- La danza in televisione viene, secondo te, capita fino in fondo dal telespettatore che la guarda oppure è semplice e puro spettacolo?

Credo che la televisione, come il teatro e come il cinema, sia una sorta d’intrattenimento: fa passare il tempo al pubblico. Il telespettatore poi guarda all’intrattenimento in modo personale interpretandolo a modo suo, dunque capendolo o meno. Certo, però, che la televisione non posso metterla a confronto con un’esibizione dal vivo.

6- Cosa ti ha lasciato quell’esperienza?

Tra le molte cose, posso parlare del bagaglio professionale che mi porto dietro da Amici: avere conosciuto e avere lavorato con persone che fanno il mio stesso mestiere, ognuna con particolarità diverse! Questo ti arricchisce moltissimo.

7- Il talento: c’è chi dice che sia innato e pochi ce l’abbiano, chi, invece, ritiene che sia qualcosa che tutti possiedono, basta scoprirlo e allenarlo. Tu cosa pensi e perché?

Ho letto un articolo che parla dei geni: tutti noi abbiamo qualcosa che ci portiamo dietro fin dalla nascita e gli effetti ambientali e culturali ci plasmano; la ricerca sui geni non è stata ancora completata, per questo al momento si pensa che l’effetto ambientale sia quello predominante. Io sono d’accordo: nasco ballerino? Forse sì o forse no, ma se sin da piccolo il contesto in cui vivo mi offre la possibilità di fare alcune cose basilari per il ballo (per esempio la spaccata) allora sono “portato” a ballare, perché gli elementi ambientali che mi circondano mi conducono spontaneamente verso quella disciplina, se invece sono io a decidere di fare il ballerino allora devo imparare a fare quelle cose e la spontaneità lascia il posto al dovere.

8- In Italia quanto conta l’essere raccomandati e quanto invece il merito?

Ci sarebbe molto da dire. In un investimento senza criterio su una persona la raccomandazione vale molto più del merito, in un investimento con criterio senza dubbio vince il merito.

9- La danza è dare forma allo spazio vuoto che ci circonda, riempiendolo di emozioni e sensazioni del proprio vissuto. Tu quando balli porti te stesso che rappresenta il personaggio da interpretare o diventi un tutt’uno con il personaggio stesso?

Entrambe! È proprio per questo motivo che la nostra professione porta dietro molte difficoltà! Per trasmettere quello che è il personaggio lo devi interpretare diventando quel personaggio; se hai dei dubbi e ti mostri esitante il pubblico se ne accorge subito.

12746336_1986628218227950_396781174_n

10- La danza è pensiero e permette di riflettere su molti temi delicati con la sola forza del corpo. La filosofia è anch’essa pensiero e permette di riflettere sulla vita con la sola forza della mente. Danza e filosofia sembrano entrambe discipline così astratte da non essere minimamente prese in considerazione dalle persone concrete e pragmatiche. Perché, a tuo avviso, la gente è riluttante nei confronti di tutto ciò che permette di riflettere, come la danza e la filosofia?

A causa dei tempi che corrono. Le persone ora hanno bisogno di concretezza e devono toccare con mano; io lo capisco molto bene e non posso dar loro torto, credo, però, che si possa ancora cercare di riflettere un po’ di più e, perché no, frequentare i teatri un po’ più spesso…non sarebbe per niente male.

11- Sei sempre stato molto discreto, umile e professionale. Credi che queste tre cose ti abbiano aiutato nel tuo percorso artistico? Perché?

Il percorso artistico cresce con il lavoro e il lavoro porta ad essere professionale. Essere discreto e umile fa parte dell’uomo e sono ciò che mi rendono umano ed ho imparato che chi ti apprezza come persona ti apprezza anche come professionista.

12- Come spiegheresti la magia del teatro e del contatto diretto con il pubblico?

Incredibile: senti IL profumo a teatro, profumo di sudore e di fatica.

13- Per un ballerino conta di più la propria soddisfazione o quella del pubblico? Perché?

È un cerchio perfetto: il pubblico è la verifica di quanto bene uno faccia sul palco. Se è soddisfatto il pubblico, sei soddisfatto anche tu.

14- Pensi che dietro ad ogni corpo danzante, ad ogni vostro gesto che plasma l’aria e ad ogni passo che racconta storie ci sia un pensiero, una riflessione profonda che vada al di là della tecnica e della semplice esecuzione?

Credo sia un misto perché alcune storie ti toccano più nel profondo di altre e ti invitano ad una  maggiore riflessione; questo, però, non è detto che ti porti a fare meglio o peggio.

15- Cosa pensi della Filosofia al giorno d’oggi? Può essere utile per vivere (o forse sopravvivere)?

Se la filosofia è il campo che porta l’uomo a riflettere, allora oggi è assolutamente necessaria perché  l’uomo molto spesso è portato a essere banalmente una pecora che segue la pecora davanti a sé. E noi invece siamo uomini con il dono del pensiero.

Il movimento del corpo può raccontare l’Uomo, la sua interiorità si esplicita attraverso disegni nell’aria.

Con la danza l’Uomo scopre se stesso e il mondo, interpretando situazioni diverse, personaggi opposti tra loro, propri simili o completamente dissimili.

Tutto diventa un viaggio che si sviluppa passo dopo passo e che si rivela comprensibile solo alla fine, col senno di poi, perché viene interiorizzato in modo soggettivo da ogni spettatore.

Chissà quanti mondi diversi e possibili vengono creati durante l’esibizione di un ballerino!

“La danza è scoperta, scoperta, scoperta.” Martha Graham

Tutto questo è ciò che Leon ci ha trasmesso durante le sue esibizioni e che ci ha insegnato con le parole di questa intervista, tra cui traspaiono il senso di sacrificio e lo spirito avventuriero che devono caratterizzare un vero professionista di qualunque mestiere.

Valeria Genova

[Immagini di proprietà di Leon Cino]

Eleonora Nicoletti: la danza dell’architettura

 

L’architettura è un fatto d’arte, un fenomeno che suscita emozione, al di fuori dei problemi di costruzione, al di là di essi. La Costruzione è per tener su: l’Architettura è per commuovere.

Le Corbusier

Le sue passioni sono la danza e l’architettura, che ha cercato di unire in un’unica forma d’arte: attraverso l’emozione che possono trasmettere i corpi in movimento, il suo obiettivo è dare vita ad un’architettura innovativa e non statica.

È  una giovane Donna di ventinove anni, italiana in quel di Londra, che ha saputo farsi strada grazie alle proprie capacità e alla propria determinazione.

Intervistiamo oggi, per La Chiave di Sophia, Eleonora Nicoletti.

Read more

La danza come pensiero

La danza è pensiero.

Non è il pensiero standard che conosciamo tutti, è un pensiero ancora più ampio che va a coinvolgere ogni ambito della vita, perchè la danza permette di riflettere su se stessi, sul mondo e su quel rapporto che si instaura tra i due.

La danza è addirittura la capacità di tendere all’oltre, a ciò che supera la congiunzione tra uomo-mondo.

Read more