Il bisogno di una “dissidenza” e di pensiero critico

Le narrazioni della società, dal secondo Novecento ad oggi, si sono incentrate, principalmente, su quattro concetti che hanno fortemente influenzato non solo il dibattito specialistico ma anche il linguaggio e la percezione comune. Mi riferisco a un quadrilatero concettuale ai cui vertici possiamo individuare: il rischio, l’incertezza, la paura e la liquidità.
Quattro termini che evocano immediatamente i contributi di Ulrich Beck, con La società del rischio, e di Zygmunt Bauman, con La società dell’incertezza, Modernità liquida e Paura liquida, per rimanere ad alcuni dei principali lavori dei due sociologi. Ma penso anche agli studi di Michel Foucault, Francis Fukuyama, Anthony Giddens, Hans Jonas, Samuel P. Huntington, Jean-Francois Lyotard… che hanno ispirato il dibattito sulla condizione postmoderna e la visione di una realtà frammentata e caotica.

Il periodo pandemico dovuto al Covid-19 ha drammaticamente storicizzato tali visioni, incidendo sulla salute della popolazione, con conseguenze distruttive anche sull’economia, sull’istruzione, sulle comunicazioni, sul lavoro, insomma, su ogni aspetto della vita sociale. La società del Covid è la società globale del rischio, dell’incertezza, della paura, dei legami interrotti.
Nel caos infodemico di questo tempo, abbiamo anche assistito alla tendenza strisciante a demolire e smantellare tutto, anche le competenze tecnico scientifiche diventate bersaglio di fake e dei “si dice che”, indotti da una narrazione paranoica della storia che, nei fatti, attesta ulteriormente la severa difficoltà all’esercizio del pensiero critico che attanaglia la nostra società. Sembrerebbe quasi una fuga dal logos, per rifugiarsi nelle rassicuranti, facili e comode soluzioni prêt-à-porter offerte dal mercato.

È in questo senso che Paolo Ercolani, nel suo libro Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa (Marsilio 2019), parla del rischio di nuova rivoluzione che starebbe attraversando la società, una transizione dalla “società aperta” alla “società ottusa” del sistema tecnico-finanziario. Con la visione della “società ottusa” – o più precisamente della “società misologa”, come afferma Ercolani citando Platone – si scrive una nuova pagina, l’ennesima, della vasta letteratura sulle fisionomie distopiche della società postmoderna, o contemporanea se si vuole. Ma, soprattutto, si prende atto, ancora di più, di quell’eclissi del pensiero critico, quella inibizione del ragionamento e della riflessività, alla quale facevo cenno poco sopra, per cedere spazio all’affermazione dell’intelligenza collettiva creata dalla Rete, delle tecnologie digitali intuitive, della logica del profitto come misura concreta di affermazione individuale, dell’illusione di una libertà senza limiti. Tutto ciò, peraltro, si realizza senza intaccare, in modo alcuno, le sottostanti logiche di potere. 

Nella società misologa muore anche l’utopia dell’innocenza, la speranza dell’intima bontà dell’uomo.
In tutto il periodo pandemico, soprattutto nella cosiddetta prima fase, è apparso chiaro che nella pandemia risiedeva l’opportunità di ripensare il modello di sviluppo globale e di organizzazione sociale, in particolare nelle connessioni relative a individuo-comunità, salute-lavoro, sociale-economia, umanità-pianeta, responsabilità-benessere, sicurezza-libertà, locale-globale. Oggi innanzi all’incomprensibile e drammatica guerra in Ucraina, quella speranza appare ancora di più tristemente ingenua, quasi inconsapevole della lezione impartita dal Novecento: dalle pandemie come dalle guerre non si è mai usciti migliori di prima. L’uomo moderno sembra quasi impreparato ad assumersi questo compito, privato di spazi e di tempi di silenzio, solitudine, interiorità e fraternità. 

Non ne usciremo, dunque, migliori. Ma non possiamo rassegnarci a questo destino. Costruiamo allora la possibilità di uscirne “diversi”! Non mi riferisco solo ai modelli di sviluppo e di organizzazione sociale, ma all’opportunità di ricominciare ripensando alle scelte di fondo, individuali e comunitarie, e alle priorità perseguite, concentrandoci sul significato della nostra presenza in questa storia, impegnandoci ad essere custodi della vita dell’altro e della natura, modificando in profondità i rapporti sociali in vista di un’effettiva centralità della giustizia e della libertà. Una grande opportunità per favorire la formazione di un pensiero critico e di sperimentare la possibilità di una svolta generativa per la società.

Il futuro dipenderà da chi sarà in grado di svegliarsi da questo sonno del pensiero. Svegliandoci «potremmo certamente prendercela con quelle oligarchie che portano un’innegabile responsabilità personale. Ma anche identificando dei nomi, dei volti, capiremmo il doppio filo che lega il loro potere e la loro ricchezza a quelle idee fasulle che milioni di liberi hanno, alla fin fine, condiviso», e allora capiremo che «c’è ancora bisogno di una resistenza. O, meglio, di una “dissidenza”: un avere il coraggio di abbandonare i modelli in cui abbiamo creduto, ma che hanno fallito. Prendendo una strada diversa, piuttosto che accanirci pensando che forse non li abbiamo applicati bene» (C. Giaccardi, M. Magatti, Generativi di tutto il mondo unitevi!, 2014).

 

Massimo Cappellano

 

[Photo credit Eduardo Sánchez via Unsplash]

la chiave di sophia

Fenomenologia dei no vax

Suscita oggi molta preoccupazione il fenomeno dei no vax, ovvero coloro che per principio, per ideologia o per semplice timore rifiutano di vaccinarsi. In realtà sono sempre esistiti, ad esempio nella forma di decidere di non vaccinare i figli contro le malattie infantili. Se già questo in passato ha suscitato più di qualche preoccupazione, nel periodo storico che stiamo vivendo, caratterizzato in maniera così pesante dal Covid, il fenomeno è esploso in tutta la sua gravità, per cui può essere utile formulare un’ulteriore riflessione.

Innanzitutto, bisogna dire che i no vax sono una minoranza e una minoranza di loro potrebbe addirittura essere fatta rientrare nella categoria dei cosiddetti “analfabeti funzionali”, ovvero coloro che sanno leggere e scrivere ma non sono in grado di comprendere il senso generale e profondo di un testo di qualsivoglia natura (come un articolo di giornale) e di produrre analisi coerenti e articolate. Non è detto che sia necessariamente così, ma forse ciò può essere applicato al caso particolare del portuale di Trieste, che, dopo essere andato a manifestare, ha dichiarato di avere contratto il Covid poiché colpito dagli idranti.

In aggiunta a questo, è possibile individuare un tipo di no vax che non è affatto analfabeta funzionale, in quanto può avere una o più lauree e magari insegnare anche all’Università. Costoro in genere non sono contrari ai vaccini in senso stretto quanto piuttosto al Green Pass. Ebbene, tali soggetti difendono la loro posizione appellandosi al cosiddetto “pensiero critico”, ovvero l’atteggiamento esattamente opposto a quello dell’analfabeta funzionale, in quanto abilissimo nel produrre risultati analitici, sintetici e razionali in maniera assolutamente coerente. Forse però costoro dimenticano la prerogativa fondamentale del pensiero critico, cioè il principio di economia del rasoio di Occam, secondo il quale a parità di fattori occorre scegliere la spiegazione più semplice senza moltiplicare inutilmente il numero delle ipotesi. Mi pare dunque che la spiegazione scientifica e ufficiale del Covid, della sua prevenzione e della sua cura sia del tutto adeguata al principio del rasoio, in quanto fornisce una spiegazione articolata ma credibile del fenomeno e inoltre è supportata da dati e statistiche. Di fatto si violerebbe il principio di economia nell’andare in cerca di spiegazioni alternative, magari anche scientificamente dimostrate o dimostrabili, che però sono supportate solo da una stretta minoranza. In questo modo si moltiplica indebitamente il numero delle ipotesi e si crea soltanto confusione. Per usare un’analogia con l’astrofisica: è vero, esistono anche modelli cosmologici che escludono il Big Bang e sono matematicamente dimostrabili, ma tutte le evidenze disponibili suggeriscono che quella del Big Bang è la spiegazione più semplice, plausibile e probabile, quindi credibile.

Se le riflessioni sull’universo possono apparire astratte e oziose, di fatto quelle relative al Covid impattano profondamente sulla vita di tutti. Perciò nel momento in cui il diritto alla scelta individuale diventa limitante per la libertà collettiva e pericoloso per la salute di tutti il problema esplode in tutta la sua gravità. Si dice spesso che la ricerca del bene comune può annullare o limitare gli egoistici motivi individuali. Durante il lockdown, infatti, in nome della salute pubblica il singolo non poteva nemmeno uscire di casa per una passeggiata. Di conseguenza non si capisce perché oggi le scelte individuali dei no vax dovrebbero essere messe nella condizione di nuocere alle libertà della maggioranza, così faticosamente conquistate grazie alla campagna vaccinale.

 

Francesco Breda

 

[Photo credit Towfiqu barbhuiya via Unsplash]

banner-riviste-2022-feb